Le riserve auree della Banca d´Italia - Oro

In un documento ufficiale reso pubblico direttamente sul suo sito internet la Banca d´Italia parla apertamente delle sue riserve auree spiegando perché ce n´è bisogno e a quanto ammontano queste riserve. Andiamo a scoprire insieme tutti questi dati per cercare di comprendere la situazione attuale dell´Italia e il suo peso sul mercato dell´oro.

Le riserve auree
La Banca d´Italia ha per legge l´obbligo di gestire tutte le riserve ufficiali dell´Italia, di qualunque tipologia essere siano, affinché vi sia una salvaguardia serrata dell´Eurosistema. La Banca d´Italia ha affermato che l´Italia vede tra le sue riserve i dollari statunitensi, gli yen giapponesi, le sterline britanniche e l´oro. Perché scegliere di inserire anche l´oro? La risposta a questa domanda è davvero molto semplice, perché l´oro è l´unica tipologia di riserva che riesce a garantire all´Italia una vera e propria stabilità finanziaria. Non è influenzato infatti da alcun tipo di decisione politica come avviene invece per le monete degli altri paesi né dalla solvibilità dell´emittente. Si tratta di un modo insomma per diversificare il proprio portafoglio, lo stesso identico motivo per cui l´oro viene scelto dagli investitori.

A quanto ammontano le riserve d´oro
Molte persone credono che l´Italia non abbia un peso importante sul mercato dell´oro, ed invece non è affatto così. Secondo i dati resi pubblici dalla Banca d´Italia infatti, pensate, le riserve auree sarebbero pari a 2452 tonnellate per un valore totale di ben 69 miliardi di euro, riserve che inoltre sembra siano destinate a salite con il passare del tempo. Banca d´Italia afferma che il nostro paese è adesso la terza riserva aurea più importante del mondo intero, dopo gli Stati Uniti d´America e dopo la Germania. Quasi tutto l´oro di queste riserve si trova su territorio italiano, debitamente custodito infatti presso la Banca d´Italia in Roma. Qui troviamo ben 1199,4 tonnellate di oro. Solo 4,1 tonnellate si trova stato forma di moneta, il resto invece è sotto forma di lingotti. Una parte delle riserve auree però è stata portata all´estero presso la Federal Reserve di New York, presso la Banca Nazionale Svizzera di Berna a la Banca d´Inghilterra di Londra. Si tratta ovviamente anche in questo caso di una vera e propria strategia di diversificazione, come la stessa Banca d´Italia ha affermato.

I lingotti delle riserve auree italiane
 La maggior parte dei lingotti d´oro della riserva aurea italiana è di tipo tradizionale, lingotti quindi a forma prismatica. Non mancano però anche lingotti di tipo americano, lingotti cioè a forma di parallelepipedo caratterizzati da angoli particolarmente smussati, oppure lingotti di tipo inglese che hanno invece una forma a panetto davvero molto caratteristica. Ovviamente i lingotti sono di vario peso, possiamo in generale affermare che vanno da un peso minimo di circa 4 kg ad un peso massimo di 19.7 kg. Il titolo medio dei lingotti è di 996,2. Ovviamente molti sono i lingotti che hanno il titolo più elevato, 999,99. Ovviamente tutti i lingotti delle riserve auree italiane sono stati debitamente controllati.

Per avere maggiori informazioni vi consigliamo di consultare il sito internet ufficiale della Banca d´Italia "bancaditalia.it" dove troverete il documento relativo ai dati delle riserve auree che può essere liberamente e gratuitamente scaricato.

Articoli che potrebbero interessarti

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ti è servito questo articolo aiutaci a crescere, iscriviti anche tu alla nostra newsletter